Ricerca e Sviluppo

energent ricerca e sviluppo

Ricerca e Sviluppo

Energent ha sempre visto nelle attività di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica lo strumento essenziale per vincere le nuove sfide e cogliere le diverse opportunità del mercato.  Nelle sedi Energent di: Milano, Roma e Napoli sono attivi i centri di R&D. Affidabilità,innovazione e competenza nel settore, sono le caratteristiche che ha permesso ad Energent di vincere bandi di ricerca e sviluppo promossi per sostenere la creazione di eccellenze tecnologiche.

Di seguito alcuni progetti:

ehealthnet_logo
2015
PROGETTO “Medical Social Media Search”
Nella sede Energent di Napoli si inserisce il progetto per eHealthNet, società consortile che ha lo scopo di intraprendere iniziative idonee a costruire una rete integrata di ricerca, sperimentazione, formazione e divulgazione, realizzando output innovativi connessi a beni e servizi relativi al settore della Salute pubblica e privata, incoraggiando l’avvio di start-up e spin-off. Si tratta di un laboratorio supportato da un’ampia partnership di aziende sia pubbliche che private, tra cui grandi aziende quali Engineering, Enti di ricerca come il CNR, il cnit, l’iit, nonché le Università degli Studi di Napoli Federico II e di Salerno.
2015
LOGO-DATABENC_back-300x171-2
2016
Progetto "Rete Intelligente dei Parchi Archeologici”
La sede Energent di Napoli è coinvolta nello sviluppo della “Rete Intelligente dei Parchi Archeologici”, nell’ambito del progetto RIPA PAUN, guidato dalla capofila Databenc e coordinata con diversi partner sia tecnologici sia accademici, includendo il CNR, Università Federico II di Napoli, Università UniSa di Salerno, Italdata, Spinvector, Netcom, ES Progetti e Sistemi, ecc. Obiettivo del progetto è la valorizzazione del parco archeologico di Piazza del Municipio a Napoli, attraverso interventi volti all’archiviazione dei reperti, alla predisposizione di un percorso di visita multisensoriale attraverso realtà aumentata, alla costruzione di una piattaforma di raccolta di dati ambientali, misure dei parametri specifici dei reperti, di archiviazione delle schede e l’analisi dei dati per evidenziare soglie di attenzione e misure di sicurezza in caso di alto rischio per l’integrità del reperto stesso.
2016